Ultima modifica: 29 Giugno 2021
IIS Piero Martinetti > Articoli > News > CSI…Martinetti! Le indagini del Piano Scuola Estate.

CSI…Martinetti! Le indagini del Piano Scuola Estate.

Il Piano Scuola Estate del Martinetti si arricchisce con attività di Laboratorio e Microbiologia, che ha visti coinvolti diversi ragazzi degli indirizzi Tecnico Ambientale e Sanitario.

Le discipline coinvolte sono state Laboratorio di microbiologia, Laboratorio di igiene anatomia e fisiologia, e Laboratorio di biochimica. 

Si è voluto ricreare i ritmi lavorativi delle aziende nel settore proponendo agli studenti 6 ore al giorno per 5 giorni di attività pratiche al fine di simulare:

– un laboratorio di analisi dell’alimento latte

– un laboratorio di biologia molecolare in ambito forense.

  1. Analisi della matrice latte.

In questo percorso sono state condotte delle analisi quantitative e qualitative sul latte crudo con metodi diretti e indiretti al fine di capire quanto erano le concentrazioni microbiche generiche e specifiche di indicatori di contaminazione fecale e S.aureus. 

La prof.ssa Babini ha documentato la mungitura in alpeggio reperendo il latte crudo campione di 5 vacche: Bellezza, Milva, Fiurinà, Pioggia e Furba del pastore Pierangelo della Valchiusella. Gli studenti hanno potuto sentire e vedere dai racconti del pastore come avviene la mungitura manuale in alpeggio e con quale frequenza e tipologie di analisi vengono condotte sul suo latte per poterle poi riprodurre nei laboratori scolastici. 

Qui gli studenti sono stati divisi in 5 gruppi e ciascuno ha analizzato il latte di una vacca fino a definire se fosse conforme secondo il regolamento CE n.853 del 2004 e tra questi quello migliore dal punto di vista microbiologico: il latte vincitore è risultato quello della vacca Fiurinà.

Sono stati valorizzati metodi di apprendimento sullo svolgimento di un compito di realtà basati sul cooperative learning, problem solving e l’apprendimento per scoperta, supportato anche dall’uso delle tecnologie informatiche per la comunicazione.

     2. Analisi di biologia molecolare in ambito forense.

Le prof.sse Andreotti e Babini hanno inscenato nei laboratori della scuola una vera e propria scena del crimine con tanto di storia del delitto nella quale si ricostruivano i moventi con tanto di sospettati accusati di aver “ucciso” il nostro assistente tecnico di laboratorio.

Gli studenti hanno trovato sulla “scena del crimine” in laboratorio il rilevamento del cadavere, i reperti incriminati come delle tracce di sangue, capelli, vetri rotti e un’asta di sostegno insanguinata. Hanno così usato il luminol per rendere visibili le tracce di sangue sulla scena del crimine, hanno rilevato le impronte e prelevato i campioni da cui si sarebbe potuto isolare il DNA.

Dopo la descrizione dei procedimenti di estrazione del DNA e amplificazione tramite PCR, gli studenti hanno ottenuto 4 campioni:

  • DNA della vittima
  • DNA della scena del crimine 
  • DNA dei due sospettati.

Questi campioni sono stati separati tramite la tecnica elettroforetica che ha permesso di comparare i frammenti di DNA dei due sospettati con quello rinvenuto sulla scena del crimine arrivando a incastrare il criminale, che nella storia, fu la collaboratrice scolastica solita a svolgere le pulizie nei laboratori.

L’estate non ferma le indagini del Martinetti…

Babini L., Savoia S.

Lascia un commento