Ultima modifica: 1 Febbraio 2022
IIS Piero Martinetti > Articoli > News > Il Martinetti al concorso “I giovani ricordano la Shoah”

Il Martinetti al concorso “I giovani ricordano la Shoah”

Con un elaborato pittorico di grandi dimensioni la classe 5L del Liceo Artistico Martinetti supera la fase regionale del XX edizione del prestigioso Concorso “I giovani ricordano la Shoah”, classificandosi quale migliore elaborato delle scuole secondarie di secondo grado del Piemonte.

Quest’anno il tema era il seguente: “La Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo fu sottoscritta per dare all’Europa uno strumento adeguato per garantire democrazia, solidarietà e pace, a seguito di quanto accaduto in Europa prima e durante la Seconda guerra mondiale. Dopo aver studiato la storia della Shoah, riflettete sul valore della memoria di quegli avvenimenti, sull’efficacia degli strumenti che l’Europa si è data e sugli ostacoli che ancora incontra nel suo cammino per evitare che possano di nuovo accadere eventi così laceranti.”

A seguito di un’accurata preparazione accumulata negli anni sul tema (incontri, discussioni con testimoni, Visita al campo di Fossoli) con insegnanti di diverse materie, Storia, Italiano, Discipline Pittoriche e Laboratorio Artistico, IRC, la classe, guidata dal prof. Hugo Bustamante, ha elaborato il tema attraverso la produzione di tavole con tecnica ad olio, che poi sono state unite in un’unica grande opera pittorica. Inoltre, la classe si è cimentata nello studio della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo con lezioni teoriche di una materia che non compare fra quelle dell’indirizzo, il Diritto Costituzionale. Il lavoro è stato strutturato come intreccio di fonti storiche, testimonianze, informazioni giuridiche raccontando – tramite immagini ed icone visive con voci plurali e un linguaggio soggettivo – temi riconducibili alla traccia data dal Concorso, quali la solitudine, l’affermazione di valori etici, i diritti umani, il consiglio d’Europa, il campo di concentramento, le nazioni dell’Europa, la migrazione, la morte e la rinascita.

Orsini I.

Lascia un commento