Ultima modifica: 5 Novembre 2020
IIS Piero Martinetti > Articoli > News > Le attività e gli sbocchi post-diploma dell’indirizzo Tecnico Turistico

Le attività e gli sbocchi post-diploma dell’indirizzo Tecnico Turistico

I ragazzi dell’indirizzo Tecnico Turistico non smettono di imparare e di prepararsi per il proprio futuro: la chiusura delle scuole ha anzi stimolato in loro e nei loro insegnanti modalità nuove ed alternative di sviluppare abilità professionali, che li renderanno un giorno operatori competenti del settore turistico. Ed ecco quindi una serie di testimonianze ed attività svolte dai nostri studenti, attuali e passati, che desiderano e si stanno formando per lavorare a contatto con il pubblico o che puntano a una prosecuzione degli studi in ambito universitario.

Le studentesse di 5A, Alessia e Lucia, mettono in pratica le proprie competenze linguistiche in una simulazione di una comunicazione in inglese presso un’agenzia di viaggi.

Il loro compagno di classe, Alessio, si cimenta in una simulazione di una comunicazione da parte di un Comandante d’aereo Air France, mentre Gabriele e Marwa si mettono nei panni di due provetti Assistenti di volo:

 

L’indirizzo turistico collabora da anni con il FAI: i propri studenti, a partire dalla seconda, sperimentano la professione di guida turistica presso il castello di Masino, aderendo al progetto Apprendisti Ciceroni. Gli allieve di 5A Elisa, Giulia, Marwa, Gabriele ed Elisa ne offrono un esempio, accompagnandoci in un tour virtuale del castello:

L’ex allieva e ora receptionist Giorgia ci parla degli stage professionalizzanti svolti durante il quinquennio al Martinetti, un trampolino di lancio per il suo attuale impiego:

Giulia, diplomata 2016 al Turistico, spiega le ragioni che l’hanno spinta a scegliere questo indirizzo di studi e a proseguire in ambito universitario:

Fiorella, studentessa di 4F, ci guida in un tour virtuale della sua città: Roma.

 

Un settore quello del turismo che certamente vivrà un periodo di ripresa al termine dell’emergenza sanitaria e che avrà senz’altro bisogno di professionisti competenti ed appositamente formati.

Savoia S.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento